Progetti

LabCos, in collaborazione con Fondazione Italiani Sede di Milano organizza un Master Universitario rivolto alla formazione di giovani psicologici neolaureati inoccupati al ruolo di Life Mentor.
Il life mentoring si propone essenzialmente come un’azione di guida, consiglio e supporto nell’individuazione dei punti di forza attuali e potenziali di una persona, nonché di una modalità per svilupparli e tradurli, attraverso un processo socio-emotivo di scoperta di sé, non soltanto per lo sviluppo professionale, ma della persona nel suo complesso.
Il life mentor può affiancarsi ad altre figure professionali e altre metodologie formative allo scopo di mettere in grado una persona e un’organizzazione di esprimere il pieno potenziale, attraverso la strutturazione di una relazione profonda in parte formativa, in parte consulenziale.

“In Search of Longevity” è un progetto di carattere internazionale, presentato da Sportello Italia/Scuola di Palo Alto Milano a Monte Carlo.
Il progetto prevede presso il Maira Hotel srl di Sandigliano l’apertura di un centro benessere/longevity secondo i protocolli realizzati dal gruppo dei nostri ricercatori medici.
“In Search of Longevity” è un progetto di carattere internazionale, presentato da Sportello Italia/Scuola di Palo Alto Milano a Monte Carlo.
Il progetto prevede presso il Maira Hotel srl di Sandigliano l’apertura di un centro benessere/longevity secondo i protocolli realizzati dal gruppo dei nostri ricercatori medici.
La Fondazione Italiani che da sempre si impegna nella ricerca di valori sociali, culturali e scientifici, al fine di proporre nuovi progetti che potenzino il patrimonio umano, affianca il progetto “In Search of Longevity” come singolarità nel settore della medicina preventiva, con particolare attenzione alle nuove tecniche diagnostiche e terapeutiche dedicate all’area healthy aging.
Negli ultimi 20 anni abbiamo assistito ad una vera e propria rivoluzione scientifica nel campo della longevità.
Sulla base di quanto sopra il progetto ha i seguenti obiettivi:
1. selezionare e testare metodi di indagine diagnostica affidabili ed eseguibili in tempi brevi a costi accessibili;
2. impostare protocolli nutrizionali personalizzati specifici per le problematiche riscontrate sulla persona;
3. sviluppare e testare protocolli terapeutici che portino a risultati misurabili e tangibili in tempi brevi (una/due settimane o anche meno) insieme ad altri efficaci nel mantenimento dei risultati ottenuti;
4. sviluppare e testare protocolli di integrazione nutrizionale capaci di portare a equilibrio il sistema metabolico-ossidativo in tempi medi (tre mesi) e mantenere l’equilibrio prevenendo l’insorgenza di patologie croniche;
5. impostare percorsi di antiaging cutaneo o di miglioramento della silouette non finalizzati all’immediato ma duraturi nel tempo;
6. testare la fattibilità, efficacia e redditività dei protocolli su un primo centro pilota per potere poi scalare il progetto a livello nazionale.

Obiettivo del progetto è divulgare la conoscenza e l’ applicazione di un nuovo approccio terapeutico denominato “Sinergetica”.
Nel team sono coinvolti professionisti di varie specializzazioni che operano “connessi” per raggiungere un unico obiettivo: attuare e mantenere l’equilibrio energetico e psico-fisico del paziente.
La Sinergetica si avvale di una tecnologia all’avanguardia la cui finalità è quella di evidenziare al Sistema Nervoso le situazioni adattative disfunzionali che si sono venute a creare nel tempo nell’intero organismo a causa di un disordine della capacità di autoregolazione del Sistema Nervoso.
La Terapia si avvale di macchinari che rappresentano al Sistema Nervoso la condizione globale dell’organismo, incluse le condizioni anomale ed errate, al fine di indurlo alla autocorrezione e alla ripresa del controllo neurologico, sia a livello psichico che fisico.
Uno dei risultati della terapia è la ripresa della corretta
 capacità di gestione dello stress.
La Terapia, infatti, induce l’organismo in toto a “riorganizzarsi” positivamente, aiutandolo a riacquisire la naturale e corretta capacità di risposta.
Trattasi quindi di una terapia che “non deve essere vista come una terapia indirizzata ad eliminare direttamente i sintomi della malattia, ma ad ottimizzare ove possibile i meccanismi che ne stanno all’origine”. Infatti non cura le patologie di per sé, ma promuove il recupero della capacità di autoregolazione dell’organismo.
Questo recupero può dar luogo alla guarigione, oppure, nei casi in cui questa non è possibile, ad un maggiore controllo della malattia e delle sue manifestazioni.
Partendo dai sopraesposti concetti, scientificamente dimostrati, è stato sviluppato un approccio terapeutico, denominato ” Sinergetica”.
L’approccio terapeutico, e di conseguenza anche quello didattico proposto, presuppone che il medico conosca, come e quando, utilizzare in modo sinergico le seguenti specializzazioni:
• Trattamento biofisico a campi elettromagnetici pulsati, per il riequilibrio neuro motorio.
• Logopedia mio funzionale per le connessioni tra apparato stoma gnostico e la gestione della postura, sistema neurovegetativo, componenti cognitive.
• Optometria, per le connessioni dell’apparato visivo e dei muscoli oculomotori con tutte le aree corticali e le funzioni ad esse connesse.
• Terapia fisica/Fisiatria, per il riequilibrio psico-fisico.
• Psicologia, per equilibrio psico-emozionale, come attivatore dell’equilibrio globale e emozionale e prestazionale.
• Diagnostica microvibrazionale iperspettrale, per la valutazione della coerenza energetica degli organismi viventi attraverso un Innovativo sistema predittivo.
• Ordontoiatria, per la prevenzione e il trattamento delle anomalie di posizione e di sviluppo dei denti , delle ossa mascellari.
• Statistica sanitaria, per l‘interpretazione e la valutazione dei dati raccolti nell’attività medica.

L’idea progettuale di Tisma nasce, principalmente, da due considerazioni strettamente connesse: la prima, è quella che i borghi storici italiani, per la loro vocazione culturale e di attrazione, rappresentano un patrimonio di valore inestimabile. La seconda, è che i nostri borghi storici, in molti casi, sono oggetto di incuria e a rischio abbandono e, conseguentemente, a rischio scomparsa.
Sulla base delle considerazioni sopra esposte, è evidente la necessità di mettere in campo azioni che mirano alla tutela e messa in sicurezza dei borghi storici ai fini di una loro rigenerazione e di un loro sviluppo.
Una delle azioni certamente necessaria per il raggiungimento dell’obiettivo è quella del monitoraggio, che ha lo scopo di individuare le minacce ed i rischi e, se possibile, di indicare le soluzioni per l’eliminazione delle prime e la riduzione dei secondi.
TISMA, quindi, si propone di fornire un contributo alla soluzione delle problematiche sopra esposte, puntando principalmente a fornire uno strumento utile ad un monitoraggio integrato “all-time, all-weather” dei siti di interesse storico-culturale, includendo non solo la possibilità di avere una gestione automatica dello strumento proposto, ma anche per rendere disponibile una catena APP di “smart early alarm”.
Dunque, la soluzione tecnologica che si intende sviluppare e industrializzare prevede la progettazione e realizzazione di una piattaforma di monitoraggio di centri storici, effettuata mediante rilevazione in continuo di dati e con i dati provenienti dalla costellazione satellitare Copernicus, attraverso l’implementazione di una rete di sensori multiparametrici, di strumenti modellistici, di strumenti di data-mining e data analysis (Big Data) e di un software autodiagnosticante, il cui scopo è la riduzione dei rischi, derivanti da fattori ambientali, a cui sono soggetti borghi storici ed edifici di elevato pregio artistico e culturale.

La Fondazione Italiani Organismo di ricerca propone di creare una piattaforma multilingue per la pubblicazione delle riviste edite dal network internazionale (creato da Fondazione Italiani Odr con le Università italiane ed estere), il cui management o direzione o comitato editoriale sia riconducibile comunque ad accordi con Fondazione Italiani Odr.
Alle redazioni delle varie Università è offerta assistenza tecnica e consulenza per:
– l’avvio e la realizzazione di riviste elettroniche che possono configurarsi come nuove iniziative editoriali o possono essere la versione digitale di riviste già esistenti in formato cartaceo;
– la pubblicazione di articoli scientifici sulle riviste elettroniche disponibili in piattaforma o su eventuali altre riviste di Università non aderenti al network;
– l’organizzazione di conferenze internazionali su temi di interesse comune e dello scambio di relatori tra gli aderenti al network;
– per l’elaborazione e la realizzazione di progetti comuni;
– per la progettazione e la realizzazione di corsi di formazione interuniversitari;
– per lo sviluppo di studi e progetti di ricerca, comunicazione e diffusione dei risultati delle attività;
– per lo sviluppo di progetti su Erasmus + rivolto a docenti e studenti.
Scientific@Dialogue non si configura come una University Press ma come un supporto tecnologico che la Fondazione Italiani Odr offre per la creazione di nuove riviste nate all’interno dell’Università partner, aperte al contributo di tutti gli studiosi.
Ogni rivista può avere un proprio Direttore e un proprio Comitato di Redazione che autonomamente decide le politiche e le linee editoriali, e ne è responsabile.
Scientific@Dialogue può ospitare anche la versione online di riviste cartacee già esistenti.
Scientific@Dialogue adotta il software Open Source OJS, che gestisce tutto il processo editoriale, peer review compresa, e supporta testi, immagini, video.
Il diritto d’autore è garantito dalle Licenze Creative Commons, appositamente studiate per la tutela del materiale digitale.
Ogni rivista avrà una registrazione ISSN (International Standard Serial Number), una registrazione DOI per la tracciabilità del contenuto, una registrazione in Tribunale, il Deposito Legale.
Ogni rivista può essere indicizzata in DOAJ (Directory of Open Access Journals), Google Scholar, Scopus, Web of Science, a seconda dei criteri di inclusione delle singole banche dati/motori di ricerca.
Scientific@Dialogue garantisce la conservazione del materiale digitale.
A richiesta, si possono attivare sistemi di Print On Demand (Stampa su Richiesta) con editori convenzionati. Le spese di attivazione del servizio saranno a carico del titolare dei diritti.